banner ad

La Scuderia Racing Team 74

_MG_7326Lucio Stefani, fondatore della società sportiva, come presidente e pilota, è il primo vicentino a raggiungere ragguardevoli risultati agonistici nella motonautica, tali da ricevere dal Coni Nazionale, prima la medaglia di bronzo nel 2007 e quella d’argento nel 2009 per meriti sportivi.

La passione inizia nel 1991 con l’acquisto della prima barca da diporto del cantiere Primatist di Bruno Abbate. Da qui inizia l’avventura sportiva e l’amicizia con l’indimenticabile Bruno, pioniere ed icona della Motonautica mondiale, con la partecipazione alla prima edizione del Primatist Trophy.

Lucio Stefani sfida gli avversari nella gara continentale di barche monomarca di lunghezza minima di 30 piedi. Negli anni successivi acquisisce esperienza riuscendo fare buoni piazzamenti in questa competizione, raggiunge la vittoria nel 1999 con Jimmy D’Andrea e nel 2001 con Alessandra Bertacchi.

Nel frattempo nasce lo Special Team Guido Abbate per ricordare Guidino figlio di Bruno scomparso tragicamente nel 1994. In breve il trofeo sotto l’egida federale diventa gara nazionale e continentale monomarca di circuito. Nel 2000 si avvicina a questa nuova categoria provando l’emozione di gareggiare con i famosi “barchini” dello Special Team. L’anno successivo acquista la barca numero 55 ed inizia la nuova sfida che lo vedrà già nel 2002 Campione Italiano e Vice Campione Europeo Endurance B Monomarca. Nello stesso anno si iscrive contemporaneamente, sempre con la barca B55, al campionato Endurance B classe Boat Production, con buoni piazzamenti e che lo vedrà impegnato per qualche anno ad adeguare e rendere competitiva la propria barca.

524651_639431132739882_1075609031_nSempre alla ricerca di nuove sfide ed emozioni, l’amico Toto Gualdambrini lo chiama in aiuto in una gara di P1 a Palermo, massima categoria per barche monocarena di lunghezza superiore ai 10 metri, contribuendo così alla conquista del titolo mondiale nella categoria Super Sport al Team romano ORTM. L’avventura in P1 continua anche nel 2004 come trotteler ufficiale del team in concomitanza alle gare di Enduarance B. Il 2005 ed 2006 sono anni con risultati soddisfacenti, ma condizionati da vari problemi tecnici. E’ il 2007 l’anno della svolta dove Lucio Stefani conquista rispettivamente il secondo posto al campionato mondiale di categoria e stabilisce il nuovo record mondiale di velocità nella Cat. Endurance T1.

Il 2008 è l’anno dei cambiamenti, iniziando dal numero di gara dal S55 al S74, numero mitico della famiglia Abbate ricevuto per meriti sportivi, condiviso con l’amico Guido Cappellini, dallo stesso Bruno Abbate durante la presentazione ufficiale dello Special Team Guido Abbate presso l’Hotel Tramezzo del lago di Como, che vede presente come padrino della manifestazione il Presidente Bossi. Investito di tale responsabilità conquista il titolo Italiano Endurance S2 e il terzo posto al Mondiale di categoria a Nettuno (Roma).

Da qui nasce l’idea di trasformare il proprio Team in una scuderia vera e propria acquistando due barche gemelle della mitica S74, affidandole a due nuovi piloti veneziani, Luca Tagliapetra con il numero S61 ed Andrea Ammendola con S78, che si affacciano con grande entusiasmo alla motonautica. Alla stessa scuderia si affiliano con la S50 l’amicoToto Gualdambrini con il suo copilota Lele Mangione e con la S77 il comasco Paolo Galli.

_MG_6791_1

La Scuderia Racing Team 55 iscrive le cinque barche al campionato Italiano e Mondiale Endurance 2009 classe S2 ed S1 raggiungendo la vittoria del Titolo Italiano con la S61 di Luca Tagliapietra, il terzo posto con S74 di Lucio Stefani e la medaglia di Bronzo al campionato Mondiale classe S1 con S50 di Toto Gualdambrini e Lele Mangione. Nel 2010 il Team affronta la nuova avventura nel migliore dei modi, iscrivendo ben 6 barche al Campionato Italiano ed al Mondiale di Bellaria, ottenendo a fine stagione un palma resse impensabile, un titolo mondiale con Lucio Stefani (classe S2) e due medaglie d’argento con Toto Gualdambrin – Lele Mangione (classe S1) e Luca Tagliapietra (classe Boat-Production), mentre il new entree Guido Lasciarrea si laurea Campione Italiano della Boat Production davanti a Luca Tagliapietra e la coppia Gualdambrini-Lele Mangione, con un finale di stagione al cardiopalma nella gara di Como, conquista il terzo posto nell’Italiano classe S1. Con questi risultati si chiude la stagione agonistica del Racing Team 55 e per tutto ciò il presidente decide di dare una nuova immagine cambiando il nome della vecchia società sportiva e inserendo su un nuovo logo il suo mitico numero di gara, formando così la Scuderia Racing Team 74 pluri titolata.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Back to Top